BREVI RIFLESSIONI SULLE “CONFISCHE MODERNE” – Francesco Pio lasalvia

Le confische per sproporzione – che nel presente lavoro sono definite “moderne”  in contrapposizione alla tradizionale ma superata confisca come misura di sicurezza – sono ormai diffuse in tutti i Paesi europei sotto la qualificazione giuridica di misure civili o amministrative, ma mai dichiaratamente sanzionatorie.Nel presente scritto, analizzate le maggiori criticità dell’istituto – il catalogo dei delitti presupposto, la presunzione di illecito arricchimento, l’inversione dell’onus probandi – ci si interroga sulla controversa natura giuridica, in bilico ormai tra l’appartenenza al diritto penale o al diritto civile.

Scarica l’articolo in formato .pdf

LE NORME ‘SPAZZAPRESCRIZIONE’ NELLA L.N.3/2019 – Antonio Cavaliere

Mentre la disciplina della prescrizione introdotta dalla l. n. 103/2017, pur censurabile, si limitava a rendere più difficile l’intervento della prescrizione attraverso la previsione di periodi di sospensione dopo la sentenza di condanna di primo grado, con la l. n. 3/2019 – nota come ‘spazzacorrotti’ – l’orientamento ‘spazzaprescrizione’ travolge ogni argine: dopo qualunque sentenza di primo grado la durata del processo non è più condizionata dalla possibilità della prescrizione. Ma in tal modo vengono violati principi e diritti costituzionalmente sanciti dell’imputato. L’inoperatività della prescrizione determina infatti il rischio, da un lato, di una punizione ormai illegittima sul piano delle finalità della pena e della personalità della responsabilità penale; dall’altro, di una durata irragionevole del processo e, dunque, di una soggezione temporalmente sproporzionata della persona al procedimento penale.

Scarica l’articolo in formato .pdf

BREVI RIFLESSIONI SULLE POSIZIONI DI GARANZIA E SULLA COOPERAZIONE COLPOSA NEL CONTESTO DELLE ORGANIZZAZIONI COMPLESSE – Giovannangelo De Francesco

Lo scritto si interroga circa i rapporti tra posizioni di garanzia e cooperazione colposa, con particolare riguardo al fenomeno delle organizzazioni complesse, quali si rinvengono in materia di sicurezza sul lavoro e nelle dinamiche interattive nel settore della responsabilità medica. A tale scopo, la posizione di garanzia viene distinta dalla valutazione della colpa, senza peraltro negarne le interrelazioni sistematiche. Nell’ottica del concorso di persone, una volta escluso, per le condotte atipiche, un metro di giudizio causale, non si manca tuttavia di analizzare i riverberi collegati ai nessi teleologici che s’instaurano tra le funzioni dei garanti e le rispettive inosservanze; e ci si cura altresì di approfondire, nella logica della cooperazione colposa – non senza aver premesso una lettura innovativa dei rapporti tra l’art. 110 e 113 c.p. – il significato assunto dalle violazioni nel processo di ‘concretizzazione’ dello scopo di prevenzione rispetto alle modalità dell’evento lesivo.

Scarica l’articolo in formato.pdf

1 2 3 48